Backoffice di WordPress lento: come risolvere?

Backoffice di WordPress lento

Mi è capitato, fortunatamente non molto spesso, di clienti che si lamentano del fatto che il loro sito WordPress appaia normalmente veloce, ma che il backoffice sia talmente tanto lento da risultare non usabile, in poche parole “Backoffice di WordPress lento“.

Si tratta di un evento non frequente ma che prima o poi capita a chiunque gestisca un buon numero di siti in WordPress e che rischia di far perdere numerose ore di lavoro.

Per capire cosa sia successo al sito è necessario procedere per step in modo da trovare ed isolare il problema relativo al Backoffice di WordPress lento e poi risolverlo.

Ricerca di errori

Nel caso di errori fatali, generalmente WordPress risponde con una pagina bianca, ma talvolta potrebbero essere interessati warning e loop che bloccano il backoffice e che possono creare il problema di un Backoffice di WordPress lento.
Abilitiamo quindi il debug di WordPress e apriamo il file log degli errori del PHP e vedere se ci sono occorrenze che riguardano il nostro sito.

Per abilitare il debug è necessario collegarsi via FTP al sito e scaricare il file wp-config.php che si trova nella cartella principale del sito. Aprite il file con un editor di testo (consiglio Notepad ++ che funziona molto bene) e cercate la riga:

define(‘WP_DEBUG’, False);
che andarà trasformata in questo modo
define(‘WP_DEBUG’, True);

Questo farà in modo che ogni singolo errore venga mostrato a video, ovviamente va fatto il procedimento inverso quando avremmo risolto il problema.

Nel caso trovassimo degli errori,  dovremmo affidarci alle nostre conoscenze di PHP e CODEX (https://codex.wordpress.org/) per risolvere il problema, oppure in caso di temi premium o plugin, contattare lo sviluppatore in cerca di assistenza.

Non ci sono errori…

Molto spesso non ci sono errori (magari c’è una lunga sfilza di warning) e quindi dobbiamo procedere in modo diverso. La prima cosa da fare è vedere se esistono aggiornamenti disponibili per WordPress, per i Plugin oppure per il tema in uso.

L’aggiornamento di WordPress (core e plugin e talvolta anche i temi) li possiamo gestire direttamente dal backoffice tramite l’apposita funzione.

Il processo è semplice ed immediato ma è bene porre l’attenzione su un paio di aspetti:
1. Non tutti i plugin potranno essere aggiornati. Alcuni plugin premium (es. il Visual Composer) vengono distribuiti assieme al tema, ma non possedendo una propria singola licenza, non sarà possibile aggiornarli.
2. Non tutti i temi comunicano la disponibilità di aggiornamenti. Mi è spesso capitato di trovare nuove versioni (anche su Theme Forest) ma che tramite la funzione di aggiornamento di WordPress queste non fossero segnalate.

Prima di fare ulteriori verifiche, facciamo un backup di WordPress e aggiorniamo tutto quello che è aggiornabile, questo potrebbe risolvere il problema di un Backoffice di WordPress lento.

Non ci sono errori, non ci sono aggiornamenti ma ancora il Backoffice di WordPress lento…

A questo punto dobbiamo fare l’operazione ultima per stabilire cosa non funziona: accediamo alla schermata dei Plugin e disattiviamo tutti i plugin.

Funziona correttamente? Se ancora non funziona impostate uno dei temi base di WordPress. A questo punto, senza plugin attivi e col tema base attivo il sito DEVE funzionare come ci si aspetta. Nel caso in cui ancora non funzionasse dovremmo pensare a reinstallare tutto da capo e/o contattare il servizio di hosting.

Molto più probabilmente dopo la disattivazione dei Plugin tutto funzionerà con la consueta velocità, segno che abbiamo finalmente individuato il problema. A questo punto è necessario riattivare uno ad uno i vari Plugin finchè non troviamo quello che genera il problema.

Non esistendo un aggiornamento (perchè l’abbiamo controllato prima) possiamo cercare di aggiustarlo noi, scrivere a chi ha fatto il plugin, oppure modificare il sito affinchè non serva più.

Si, ma il sito backoffice non funziona e quindi non posso fare queste operazioni!

In questo caso dobbiamo modificare la sequenza degli eventi in questo modo:

  1. Abilitare il debug e controllare gli errori
  2. Se non ci sono errori, aprire il programma di FTP e selezionare la cartella /wp-content/
  3. Rinominare le cartelle (se presenti):
    /cache/ —> /_cache/
    /plugin/ —> /_plugin/
  4. Accedere ora al backoffice

Questa operazione comporterà la disattivazione di tutti i plugin. Se il backoffice funziona provvedere via FTP a fare questa operazione:

rinominate /_plugin/ –> /plugin/

Attivate uno ad uno ogni plugin finché non trovate il colpevole.

Ricapitoliamo

Al 90% dei casi il problema è legato ad un plugin non aggiornato

Nel restante 9% dei casi il problema è legato al tema non aggiornato

Infine, l’1% dei casi richiede una investigazione di tipo diverso e conoscenze approfondite di PHP, Codex e probabilmente la possibilità di un collegamento SSH al server web per risolvere il problema!

About the author

Lavoro da Piramedia orami dal lontano 2003. In tutti questi anni credo di aver realizzato "qualche" migliaia di siti web, passando dall'html al Flash, da Javascript al Mootools fino al Jquery, scrivendo in ASP, .Net, Php, usando Joomla, Wordpress, Drupal, Prestashop, vedendo nascere i Social Network, Adsense e Adwords ma sempre con un unico obiettivo: creare siti facilmente navigabili e che siano sulla "maledetta" prima pagina di Google...

Related

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: