Perché il tuo business ha bisogno di un app mobile

Perché il tuo business ha bisogno di un app mobile

Anche le PMI o addirittura certe piccole realtà come negozi o artigiani possono sfruttare le App per il loro business, senza aver bisogno di puntare ai grandi numeri.

Mi capita spesso, parlando con piccole attività commerciali o industriali, di trovare molta ostilità nei confronti della APP mobile, quasi come se il mondo delle APP dovesse essere ad esclusivo uso di chi può fare grandi numeri.

mobile-application-design-serviceLa realtà è molto diversa: spesso avere una presenza sul web non è più sufficiente dato che l’attività online degli utenti continua a spostarsi verso il mobile.  In poche parole, le applicazioni smartphone sono diventate uno strumento di marketing molto importante anche per i proprietari di piccole imprese.

Quale sia il rapporto tra italiani e smartphone, penso sia chiaro a tutti: basta andare in un ristorante, su un treno oppure spesso anche in casa, per capire come ormai tutti si siano assuefatti a cercare notizie, svago, collaborazione o prodotti attraverso il cellulare.

Secondo alcuni sondaggi (ne cito uno solo come esempio), mediamente oltre il 70% degli italiani, controllano lo smartphone almeno uno volta ogni ora e per quasi tutto il tempo, vengono utilizzate APP.

Con questi numeri si capisce che le applicazioni per smartphone sono diventate uno strumento di marketing fondamentale per le aziende di tutte le dimensioni, comprese le piccole imprese.  Le applicazioni mobili infatti, aumentano la vicinanza con i clienti.  Non va dimenticato infatti che tramite un’APP è possibile inviare novità, buoni sconto, promozioni, notifiche oppure fornire un servizio di assistenza molto migliore ma che un logo sempre presente su uno smartphone può contribuire a costruire un marchio, fornendo un visual design che i clienti riconoscono.

Un grosso scoglio per i proprietari di piccole o piccolissime attività verso la creazione di una propria APP è rappresentato dalla convinzione che realizzare un’APP sia costoso e difficile.

Anche il mercato delle APP è cambiato negli ultimi anni: da un lato ci sono sempre più sviluppatori (e già questo ha fatto abbassare i prezzi), dall’altro gli strumenti di sviluppo sono diventati sempre più performanti (qualcuno ha parlato di Xamarin?) e anche questo ha contributi a ridurre drasticamente il loro costo.

Sicuramente i sondaggi ci dicono che gli italiani usano tantissimo gli smartphone, ma per il mio negozio o la mia piccola attività, cosa può fare in concreto un’APP? Tanto nessuno la scaricherà mai….

L’approccio delle PMI e delle micro attività verso il mondo delle APP deve essere quello di offrire un servizio migliore al proprio cliente e di legarlo in modo stretto a se. Non ci si deve quindi aspettare che ci siano frotte di utenti pronti a scaricare la nostra APP ma dobbiamo essere noi proattivi nell’offrirla ai clienti.

Vi faccio alcuni esempi pratici:

Agenzia Immobiliare: un’app di una agenzia immobiliare, oltre a poter ricevere download spontanei, diventa uno strumento importante per legare i potenziali clienti. Immaginate che una persona che cerca una casa, riceva le notifiche dei nuovi annunci (o addirittura notifiche personalizzate), e che sempre dallo smartphone possa darvi il suo gradimento per un nuovo immobile (oppure fissare un appuntamento etc..).

Parrucchiere: un’attività rivolta ai giovani, grandi fruitori di smartphone. Prendere appuntamento, vedere nuovi tagli, oppure condividere il proprio selfie nella cerchia dei clienti, non solo rende l’APP appetibile, ma grazie al passaparola può aumentare il giro dei clienti stessi.

Arredo o altro per la casa: un’app per smartphone ma ancora meglio per Tablet, può essere un’occasione non solo per mostrare i propri prodotti ma per “rimanere” vicini al cliente (o ancora meglio al potenziale cliente) anche quando questo è a casa che in questo modo si ricorda di noi, anche dopo aver visitato decine di concorrenti.

Ristorante: gestire le prenotazioni, oppure dei buoni fedeltà, ma anche gestire le prenotazioni dei clienti “business” che magari hanno poco tempo e grazie all’app possono scegliere il menù prima di arrivare al ristorante.

Azienda di servizi: offrire un “consulente” sempre presente ai propri clienti, capace non solo di parlare (voce) ma di vedere (foto o telecamera) ed aiutare nella risoluzione dei problemi.

Invogliare i propri clienti a scaricare l’APP deve essere compito dell’imprenditore che può utilizzare strumenti semplici (es. QRCODE) oppure strumenti più “avanzati” (al collegamento al proprio WIFI viene proposta una pagina in cui si invita l’utente a scaricare l’APP) ma di contro, una volta installata rappresenta uno strumento incredibile di business e fidelizzazione.

Ok, però comunque un’APP costerà moltissimo…

Sicuramente lo sviluppo di un’APP deve essere valutato come un lavoro ad elevato valore aggiunto, e quindi non si può pretendere che la realizzazione possa costare “poco” (a meno di non accontentarsi di un’APP scadente che sarà cancellata dagli utenti appena installata).

L’investimento però si ripaga da solo già con pochi clienti (attività ad elevato valore possono ripagarlo anche con un solo cliente) e soprattutto, ancora in questo momento permette di guadagnare un certo vantaggio sulla propria concorrenza.

About the author

Lavoro da Piramedia orami dal lontano 2003. In tutti questi anni credo di aver realizzato "qualche" migliaia di siti web, passando dall'html al Flash, da Javascript al Mootools fino al Jquery, scrivendo in ASP, .Net, Php, usando Joomla, Wordpress, Drupal, Prestashop, vedendo nascere i Social Network, Adsense e Adwords ma sempre con un unico obiettivo: creare siti facilmente navigabili e che siano sulla "maledetta" prima pagina di Google...

Related

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: